Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Visita alla Cattedrale di Santa Maria a Valencia, Spagna

valence cattedrale di santa maria

Durante la nostra visita a Valencia, abbiamo ammirato la città, la sua vita locale, le sue spiagge e i suoi numerosi monumenti. Una di queste si distingue sicuramente dalle altre: la maestosa Cathédrale Sainte-Marie.

Questo emblematico edificio, il cui campanile “El Miguelete” domina il cuore della vecchia Valencia, è a nostro avviso una tappa obbligata. Esplorare questa cattedrale non significa solo visitare un monumento, ma sentire l’anima della città, scoprire la sua storia e abbracciare la sua ricca tradizione religiosa e culturale.

Cosa vedere alla Cattedrale di Sainte-Marie

Entrare nella Cattedrale di Sainte-Marie significa aprire una porta sulla storia di questo luogo unico. Prima tappa, il meraviglioso campanile noto come “El Miguelete”. Con i suoi 51 metri di altezza, non è solo un’icona della città, ma offre anche uno splendido panorama a 360 gradi dell’intera città.

I 207 gradini possono sembrare scoraggianti, ma la ricompensa in cima è impagabile: una vista mozzafiato su tutta la città. Questa è sicuramente una delle migliori viste della città di Valencia e dei suoi tetti conici blu. Floriane ci è tornata anche durante il suo secondo viaggio a Valencia: se ti piace, non puoi competere!

Poi dirigetevi verso quello che molti ritengono essere il Santo Graal. È vero, la Cattedrale di Santa Maria ospita il Santo Calice, una reliquia di inestimabile valore che attira pellegrini da tutto il mondo.

Non dimenticate di ammirare la notevole architettura della cattedrale. L’armoniosa fusione di gotico valenciano, romanico e barocco crea un’estetica che affascina gli amanti dell’arte e dell’architettura. Ogni colonna, ogni scultura, ogni dettaglio sembra raccontare una storia. Per questo motivo vi consigliamo di dedicarci un po’ di tempo per venirci a trovare.

Come si organizza la visita?

Lasciate circa 1 ora per visitare l’interno della cattedrale, poi 45 minuti per salire in cima alla torre e godervi il panorama. La cattedrale è generalmente aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.30, con orari estivi prolungati fino alle 19.00.

Acquistare i biglietti in anticipo è sempre una buona idea per evitare attese, soprattutto durante l’alta stagione. Si possono acquistare online per circa 8 euro, con audioguida inclusa. Si consiglia inoltre di visitarlo la mattina presto. Non solo eviterete la folla, ma la bellezza mattutina della cattedrale è mozzafiato.

Il nostro consiglio: venite prima delle 9.30 – la cattedrale è gratuita! Vi consigliamo quindi di impostare una vostra sveglia o di avere un figlio che se ne occupi.

Cattedrale di Sainte-Marie

La storia della Cattedrale di Sainte-Marie

La storia di questa cattedrale inizia nel 1262, quando fu costruita per la prima volta. All’epoca, la cattedrale fu costruita sulle fondamenta di una precedente moschea, a testimonianza delle influenze culturali e religiose che si intrecciavano nella regione.

Nel corso dei secoli, la cattedrale ha subito molte modifiche per raggiungere l’aspetto attuale, riflettendo l’evoluzione dell’architettura e del gusto artistico nel corso dei secoli. Tra gli elementi architettonici di spicco della cattedrale vi sono la Porta degli Apostoli del XIV secolo, la Porta del Palau, esempio di stile romanico, e una serie di elementi mudéjar, che aggiungono ricchezza architettonica alla cattedrale.

La Torre Micalet, un elemento iconico della cattedrale, si erge orgogliosa nelle vicinanze, aggiungendo un tocco di grandezza all’insieme.

visita alla cattedrale di valencia spagna, visita alla cattedrale di valencia, cattedrale di valencia

Dal 18 marzo 1437 nella cattedrale è custodito un tesoro inestimabile: il Santo Calice. Si ritiene che questa reliquia sia stata usata da Gesù Cristo e dai suoi dodici discepoli durante l’Ultima Cena. Secondo i documenti storici, San Lorenzo, diacono di Papa Sisto II, lo inviò da Roma ai suoi genitori, che vivevano a Huesca in Spagna, per proteggerlo dalle persecuzioni dell’imperatore romano Valeriano, ostile ai cristiani. In seguito, i re della Corona d’Aragona ne presero possesso e Giovanni II lo consegnò infine alla Cattedrale di Valencia. Questa preziosa reliquia ha aggiunto una dimensione spirituale e storica alla storia della cattedrale.

In riconoscimento della sua importanza culturale e architettonica, la Cattedrale di Valencia è stata classificata in Spagna come Bene di Interesse Culturale dal 3 giugno 1931. Questa classificazione sottolinea il suo status speciale tra i tesori storici del Paese, rendendo la cattedrale un testimone vivente della storia e della cultura di Valencia.

visita alla cattedrale di valencia spagna, visita alla cattedrale di valencia, cattedrale di valencia

Cosa fare nei dintorni della Cattedrale

Dopo aver esplorato la Cattedrale di Santa Maria, vi invitiamo a immergervi ulteriormente nell’atmosfera di Valencia visitando i ristoranti locali intorno alla cattedrale. Molti locali servono la deliziosa paella valenciana, il piatto forte della regione.

A pochi minuti di cammino si trova la Lonja de la Seda, uno straordinario esempio di stile gotico civile valenciano. Questo sito, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, merita una visita.

Consigliamo anche una visita alla Cité des Sciences, nel Parc Turia, per ammirare i vari musei, e poi le bellissime spiagge di Valencia.

Cosa indossare per visitare la cattedrale?

È opportuno evitare gli indumenti leggeri e, idealmente, coprire le spalle e le gambe. Si raccomanda il silenzio e di fotografare con discrezione, soprattutto durante le funzioni religiose.

Immaginate di passeggiare per i suoi vicoli, di assorbire secoli di storia scolpiti nella pietra, di contemplare il Santo Calice o di ammirare il panorama da “El Miguelete”. Questa è l’esperienza che vi offre la Cattedrale di Saint Mary, un’esperienza che ci è piaciuta molto e che consigliamo vivamente. Buona visita!

Non esitate a scriverci qui sotto per farci sapere se state programmando questo viaggio, per farci domande o per condividere i vostri pensieri sui social network(il nostro Instagram): saremo lieti di rispondervi!

Donnez une note à cet article :
0 avis (0/5)
Partagez notre article
Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
Matthieu
Matthieu
Voyageur dans l'âme, je me suis toujours senti à ma place partout dans le monde. Je suis aussi passionné par les nouvelles technologies. J'adore tester tous les plats typiques quand j'arrive dans un pays. Toujours à la recherche de nouvelles expériences, je partage celles que je vis à travers ce blog.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.