Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Giro d’Europa in un veicolo trasformato: il nostro articolo pratico, l’itinerario, il budget e il resoconto dettagliato dei nostri 10 mesi in camper

Tour d'Europe en véhicule aménagé, camping car en grèce

Per chi ci segue dall’inizio del blog, abbiamo trascorso un anno in giro per il mondo con Matthieu. Due anni dopo il nostro ritorno in Francia, abbiamo deciso di ripartire, perché ci mancava molto la vita di viaggio. Poi l’arrivo di nostra figlia e di Coco 19 all’inizio del 2020 ha scombussolato i nostri piani, come per tutti voi!

Così abbiamo avuto il tempo di prepararci per la partenza, di provare e trovare un camper e di espletare tutte le formalità amministrative.

In questo articolo spieghiamo in dettaglio come abbiamo organizzato un tour dell’Europa in un veicolo trasformato (camper, camion o furgone). Rispondiamo a tutte le domande che ci siamo posti: quando partire, quale assicurazione sanitaria e di viaggio stipulare… Vi forniamo i dettagli del nostro budget, del nostro itinerario e dei nostri risultati.

Come si organizza un tour dell’Europa in camper o in furgone?

Preparazione senza preparazione!

Oh, cielo, cosa significa? Per il nostro primo lungo viaggio intorno al mondo, avevamo un itinerario ben preciso prima di partire. Avevamo optato per il giro del mondo, con biglietti aerei e date da rispettare. Per questo secondo lungo viaggio, non volevamo più essere“vincolati” da un itinerario prestabilito. Volevamo sentirci liberi come un uccello!

Poi è arrivata Coco nel 2020, un anno e mezzo prima della nostra partenza, e per finire siamo diventati genitori nello stesso momento.

In primo luogo, il COVID ci ha insegnato a non fare piani, perché quando siamo partiti c’erano ancora molte restrizioni: per esempio, non abbiamo potuto passare l’inverno in Marocco come avevamo previsto inizialmente. Una volta terminato il nostro viaggio, il Paese ha aperto le frontiere.

In secondo luogo, occuparsi di un bambino piccolo e gestire i nostri rispettivi lavori richiede tempo ed energia, ovviamente non vi stiamo insegnando nulla. Quindi abbiamo avuto poco (molto, molto) tempo per preparare il nostro viaggio.

Ci siamo concentrati maggiormente sull’acquisto e sulla preparazione del camper e dell’attrezzatura. Vale anche la pena di notare che questo era il nostro secondo viaggio, quindi siamo (quasi) esperti di viaggi lunghi (o meno).

Come spiegheremo più avanti, passiamo molto tempo ogni giorno a guardare contenuti di viaggio di ogni tipo, quindi avevamo già in mente una serie di idee di itinerari!

Blog di viaggio, canali Youtube e libri

In effetti, leggiamo molti blog di viaggio, guardiamo molti video di viaggiatori su You Tube e leggiamo anche molti libri di viaggio.

Tutti questi contenuti ci hanno dato molteidee per viaggi in Europa e in altre parti del mondo. Ci ha anche dato la possibilità di imparare la vita sulla strada! I nostri riferimenti sono riportati alla fine dell’articolo.

Giro d'Europa in camper Spiaggia in Grecia, regione di Salonicco

A cosa dovete pensare quando pianificate il vostro itinerario?

Al tempo che fa!

Ovviamente in un camper o in un furgone si vive in uno spazio ridotto e prevalentemente all’aperto, quindi per noi è stato fondamentale mantenere il calore. È per questo motivo, ad esempio, che abbiamo trascorso 3 mesi in Grecia, perché dopo la Spagna è il Paese più caldo d’Europa in inverno.

A tal fine, vi consigliamo di consultare siti web come “Quand Partir” per avere un’idea delle temperature mese per mese.

Trovare un equilibrio

L’Europa è grande, quindi se non volete guidare per ore e ore ogni giorno, vi consigliamo di limitarvi a una sola parte del Paese. Abbiamo guidato per una media di 1 o 2 ore ogni 2 giorni perché non volevamo guidare ogni giorno.

È importante notare che guidare ogni giorno comporta una certa stanchezza, costi di carburante più elevati e la necessità di riporre il camper o il furgone ogni giorno prima di partire.

Tuttavia, ci è capitato di dover pedalare più volte per diversi giorni di seguito, ad esempio quando eravamo in Sicilia e volevamo raggiungere rapidamente la Grecia, o quando abbiamo viaggiato con alcuni amici.altre famiglie che hanno un ritmo diverso dal nostro (come le nostre amiche iperattive Amandine e PA, vi amiamo così!). Si trattava comunque di un’eccezione.

Vi consigliamo di ascoltare voi stessi – anche noi abbiamo guidato di più all’inizio del viaggio perché eravamo in gran forma!

Giro d'Europa

gabo de gata spagna

Il nostro itinerario: 9 paesi e 14.600 chilometri

itinerario di visita dell'europa in camper
Mappa realizzata su TravelBoast

Agosto: Portogallo, Porto e Algarve

Siamo partiti da Périgueux il 1° agosto e per l’inizio di questo viaggio abbiamo guidato principalmente, poiché il 10 agosto avevamo un appuntamento con i nostri amici Caroline e Ludovic a Porto per il loro matrimonio. Abbiamo approfittato dell’opportunità di visitare la magnifica regione del Douro e abbiamo iniziato a familiarizzare con le strade strette e tortuose.

Una volta arrivati in Portogallo, abbiamo scoperto che il campeggio in natura è vietato dall’inizio del 2021. Non potendo permetterci di dormire in posti che fanno pagare una tassa ogni notte, abbiamo deciso a malincuore di interrompere il nostro soggiorno appena arrivati.

Così siamo andati inAlgarve per incontrare mia sorella, che era in vacanza lì per qualche giorno. Abbiamo amato questa regione e il suo magnifico scenario costiero.

Sette. e ottobre. La costa spagnola da Malaga a Barcellona

Da Malaga ad Almeria, i primi luoghi da sogno

Ci siamo poi diretti verso il confine spagnolo. Abbiamo attraversato l’Andalusia senza fermarci, poiché avevamo già visitato questa regione qualche anno fa, e la consigliamo vivamente. Abbiamo guidato verso Malaga, sulla costa meridionale della Spagna.

Da lì, abbiamo guidato lungo la costa spagnola per goderci le bellissime spiagge e il Mar Mediterraneo, che in questo periodo dell’anno aveva tra i 26 e i 27 gradi.

Le nostre giornate erano scandite da passeggiate lungo la costa e da nuotate nel tardo pomeriggio dopo la siesta di nostra figlia.

Risaliamo lentamente la costa fino a Valence. Ci siamo innamorati del parco naturale di Cabo de Gata, a est di Almería.

Prima di Almeria, invece, siamo rimasti sorpresi e rattristati nel vedere così tante serre raggruppate per chilometri e chilometri. Questa parte della Spagna è conosciuta come “il mare di plastica”, un soprannome poco lusinghiero. Si tratta della più grande distesa di serre al mondo (35.000 ettari) e la principale fonte di reddito della regione è l’agricoltura intensiva.

Al di fuori di questa zona, grazie a Park4night, siamo riusciti a trovare bivacchi in riva al mare o con una bella vista sul mare.

Da Cartagena a Barcellona, le nostre prime visite

Abbiamo visitato anche le città di Cartagena, Alicante e Valencia e la sua regione, che ci sono piaciute moltissimo.

Dopo Valencia, i luoghi naturali della costa sono diventati più rari, se non addirittura inesistenti. In Catalogna ci sono molti divieti di sosta. Non abbiamo visitato Barcellona perché ci eravamo già stati molte volte.

Ci siamo fermati in Francia per ritirare alcuni pacchi e fare acquisti di formaggio, un prodotto che i viaggiatori esauriscono rapidamente!

Ad esempio, abbiamo recuperato un lucernario, perché la nostra finestra più grande si è ribaltata e si è rotta sulla spiaggia vicino ad Almeria, anche se non c’era più vento. Abbiamo colto l’occasione per cambiare le batterie del nostro camper per aumentarne l’autonomia.

Nov. e dic. Italia meridionale

Napoli e dintorni

Abbiamo preso una nave da Barcellona a Roma (con la compagnia Grimaldi) per una traversata di 24 ore (prezzo del biglietto circa 400 euro per noi 3 in una cabina).

Ci siamo poi diretti a Napoli per visitare i dintorni. Ci sono piaciuti molto i siti archeologici di Pompei edErcolano e la visita al Vesuvio.

La Puglia tutta per noi

Poi ci siamo diretti a sud verso il caldo e il sole della Puglia, che non vedevamo l’ora di scoprire.

Abbiamo amato Matera, Polignano a Mare, Monopoli, Alberobello e Lecce. Ci sono piaciuti molto anche tutti i luoghi selvaggi che abbiamo trovato. È una regione che si può visitare in camper o in furgone in questo periodo dell’anno, poiché pochi turisti vi si avventurano perché il tempo non è sempre favorevole. Ad esempio, abbiamo avuto una settimana di pioggia ininterrotta.

Ma siamo riusciti a trovare alcuni bivacchi molto belli solo per noi, dato che tutti i campeggi sono chiusi in questo periodo dell’anno.

Sicilia per le vacanze

Ci siamo diretti in Sicilia perché avevamo letto sui blog che si trattava di una regione molto bella da visitare in camper. Abbiamo colto l’occasione per incontrarci con mia sorella e mia madre per festeggiare il Natale con un po’ di anticipo nei dintorni di Catania. Abbiamo fatto una splendida passeggiata intorno all’Etna e abbiamo amato questa parte d’Italia.

Dopo soli dieci giorni in Sicilia, abbiamo deciso di lasciare l’Italia per raggiungere più rapidamente la Grecia.

Fino a quel momento, avevamo incontrato pochissime famiglie che viaggiavano in camper. In quel periodo siamo entrati a far parte del gruppo Facebook Famiglie nel Mondo e ci siamo resi conto che molte famiglie stavano viaggiando in Grecia e che erano previsti dei raduni per le festività, così abbiamo deciso di andare in Grecia! È questo senso di libertà che amiamo di questo modo di viaggiare.

Sicilia
Escursione in famiglia sull'Etna

Lasciare l’Italia e le difficoltà (secondo noi) di viaggiare in camper in Italia

Così abbiamo lasciato rapidamente la Sicilia, perché abbiamo trovato tutto ciò che non ci piaceva dell’Italia:

  • Siamo rimasti molto sorpresi dal“codice della strada” nel sud Italia, e secondo noi la guida non è sempre sicura. Dopo 2 mesi sulle strade italiane, ne avevamo semplicemente abbastanza…
  • Insicurezza: abbiamo letto più volte commenti sul Park 4 night, che fanno riferimento a recenti effrazioni. Abbiamo persino incontrato viaggiatori che hanno subito un’effrazione a nord di Bari. Pur essendo estremamente attenti, eravamo stanchi di avere sempre un po’ di timore prima di trovare il nostro veicolo. Durante i nostri 3 mesi in Grecia, non abbiamo mai avuto questa sensazione.
  • Siamo rimasti delusi anche dalla Sicilia, in particolare dalle spiagge, che erano molto sporche. In alcuni casi, non potevamo nemmeno lasciare che nostra figlia giocasse all’aperto, perché poteva cadere su vetri o altri rifiuti….

In breve, era arrivato il momento di partire e, dato che questo tipo di viaggio offre una grande flessibilità, potevamo decidere di cambiare paese quasi da un giorno all’altro: che libertà!

È un Paese che amiamo, e vi abbiamo trascorso 2 mesi. A nostro avviso, il camper non è il modo migliore per visitare questo Paese per i motivi che abbiamo esposto sopra.

Ma abbiamo amato il paesaggio costiero, i siti archeologici e i pittoreschi villaggi italiani. Abbiamo anche apprezzato la cordialità degli italiani e tutte le specialità culinarie italiane (vera mozzarella, scamorza affumicata, burrata, pizza…).

Gennaio, febbraio e marzo: la Grecia, il paese ideale per chi viaggia in camper

Non abbiamo seguito l’itinerario ideale (cioè il più breve) perché le nostre famiglie e i nostri amici ci hanno raggiunto in questo periodo, quindi abbiamo naturalmente modificato il nostro percorso per essere presenti nei vari punti di incontro!

Il Peloponneso: la nostra parte preferita del viaggio

Dopo una lunga traversata di 10 ore con la compagnia Grimaldi (circa 200 euro), siamo arrivati a Igoumenitsa, nel nord-est, dove abbiamo scoperto la bellezza del paesaggio costiero greco. Partiamo rapidamente verso sud, con una sosta nella magnifica isola di Lefkada.

Trascorriamo le vacanze a Gythios, uno dei bivacchi più belli del Peloponneso, in riva al mare con un bellissimo relitto sullo sfondo, in compagnia di una decina di famiglie in furgoni e camper. Abbiamo parlato molto dei diversi veicoli, dei nostri rispettivi itinerari e abbiamo riso molto, il che ci ha permesso di trascorrere una bella vacanza anche se eravamo lontani dalle nostre famiglie.

Poi torniamo a Atene per incontrare i genitori di Matthieu, con i quali visiteremo le principali attrazioni della capitale, oltre a tutti i siti da vedere e fare nel Peloponneso, la città di Mystra, le rovine di Micene, Epidauro e il suo magnifico teatro e la bellissima città di Nauplia.

Poi abbiamo continuato a esplorare questa parte della Grecia in camper con la neve (sì, anche sulla costa greca è possibile). Ci siamo innamorati della città di Monemvasia, dove abbiamo festeggiato il secondo compleanno di Lison. Ci siamo poi spostati verso il punto più meridionale della Grecia continentale e infine abbiamo esplorato la regione più arida della Grecia, la costa di Magne, che è stata preservata dal turismo di massa.

il punto più meridionale della Grecia continentale

Meteora

Ci siamo diretti verso uno dei siti che più desideravamo vedere in Grecia: le Meteore, con una sosta al bellissimo sito antico di Delfi, situato a sud del Monte Parnaso, nel profondo delle montagne, che offre una splendida vista sulla valle e sul Golfo di Corinto.

Ci è piaciuto molto visitare il sito di Meteora, con le sue grandi rocce e i monasteri arroccati su questi promontori (che idea stabilirsi qui!). Ci hanno accompagnato i nostri amici Laura e Pierre, che si sono uniti a noi per qualche giorno.

Salonicco e le sue spiagge paradisiache

Abbiamo concluso la nostra esplorazione della Grecia con una nota positiva, scoprendo a sorpresa la bellezza delle spiagge cristalline della regione di Salonicco, accompagnati da mia madre. Insomma, stiamo già pensando di tornare con temperature più miti per sfruttare al meglio queste spiagge da sogno.

Spiaggia di Salonicco
Spiaggia di acqua turchese a Salonicco

Il paese ideale per vivere in un veicolo trasformato (furgone o camper)

Abbiamo quasi sempre trovato un bivacco in riva al mare o con vista sul mare, e le piazzole erano sempre molto pulite e tranquille, anche se spesso accompagnate da gracidii, miagolii, abbai di cani e persino linci.

D’altra parte, i campeggi e le aree di servizio erano praticamente tutti chiusi, quindi abbiamo dovuto fare un po’ di ricerca in più per trovare luoghi in cui fosse possibile fornire servizi.

L’ultima cosa che ci è piaciuta di questo Paese sono stati tutti gli incontri con altri viaggiatori in camper e furgoni. È semplice, in Grecia eravamo sempre accompagnati da un altro veicolo, è sempre bello chiacchierare con altri viaggiatori e i bambini sono felicissimi di avere dei compagni di viaggio.

Aprile: Bulgaria in co-working

Ne parleremo più avanti, ma per questo secondo lungo viaggio, non avendo ancora vinto alla lotteria (dovremmo ancora iniziare a giocare), abbiamo dovuto viaggiare e lavorare allo stesso tempo.

Destreggiarsi tra le due cose richiede molte energie, quindi abbiamo deciso di posare le valigie a Bansko, una località sciistica a 2 ore a sud di Sofia. Abbiamo affittato un appartamento luminoso al 5° piano con una bella vista sulle montagne circostanti al FourLeafClover (270€ per un T2 + 100€ per l’elettricità). Abbiamo scelto di venire qui per approfittare dei numerosi spazi di coworking. Ne abbiamo sentito parlare grazie a Fabienne e Benoit del blog Novo Monde. Se siete interessati, potete leggere qui il loro resoconto dopo 1 mese a Bansko. Anche noi abbiamo voluto provare questo stile di vita per un mese.

Abbiamo colto l’occasione per rilassarci in un ambiente bellissimo. Sì, la vita in camper non è sempre una vacanza. Non dovevamo più cercare ogni giorno un posto dove dormire, dove fare i nostri servizi… E soprattutto, abbiamo svolto gran parte del nostro lavoro in buone condizioni, con sedie comode e senza bambini intorno (abbiamo fatto i turni).

Abbiamo potuto incontrare altri nomadi digitali, anche se non c’erano molte famiglie in quel periodo. È un ottimo modo per conoscere rapidamente le persone.

Da notare che in inverno (da dicembre a marzo), una comunità di famiglie nomadi ha istituito un programma chiamato Worldschooling-Bansko (dove si possono trovare tutte le informazioni importanti, la pianificazione, i prezzi, ecc.), che offre attività giornaliere per bambini e adulti. Quando siamo stati a Bansko, il programma era chiuso perché la stagione sciistica era finita.

Abbiamo pensato che il concetto fosse ottimo per le famiglie nomadi e abbiamo avuto riscontri positivi da altre famiglie, quindi è un’idea interessante che vorremmo provare. Saremo in grado di fornirvi una valutazione più completa, quindi non esitate a farci sapere se siete interessati.

Bansko Bulgaria

Maggio: Romania, Ungheria, Austria e Germania

In seguito, ci siamo incontrati con mia sorella a Sofia per visitare la capitale bulgara. È stata una bella sorpresa, anche se “Sofia non è una di quelle città che abbagliano a prima vista” come era scritto nella Routard, ma a ben guardare spiccano alcune facciate piuttosto colorate.

Un tour a piedi gratuito ci ha permesso di esplorare e goderci la città. E il costo della vita è davvero basso, quindi abbiamo potuto concederci un po’ di relax.

Siamo stati felici di riunirci con i Doudou-Passe-Partouts: Amandine, PA e Augustin (coetaneo di Lison), gli amici conosciuti in Grecia e con i quali avevamo molto in comune, per esplorare la Romania e tornare insieme in Alsazia.

Con un solo viaggio in meno, abbiamo deciso di dedicare 2 settimane alla visita della Romania e poi 2 settimane al ritorno a casa. La Romania è un paese magnifico con molti parchi naturali. Siamo partiti dalla magnifica regione delle Porte di Ferro, a sud-ovest, che costeggia il Danubio e segna il confine tra Romania e Serbia.

Poi abbiamo esplorato la Transilvania, una regione famosa per le sue città fortificate e i suoi castelli. Ci siamo innamorati della città di Sibiu. Un centro storico pedonale con ampie piazze e una bella cattedrale.

Ci siamo poi diretti a nord-ovest per esplorare un’antica miniera di sale a Turda, oggi museo. I volumi all’interno sono impressionanti.

Siamo poi arrivati in Ungheria, dove siamo rimasti subito colpiti dalla qualità della rete stradale e dalla pulizia del Paese. Finalmente possiamo andare in giro in bicicletta, perché l’infrastruttura è stata progettata per i ciclisti. Visitiamo Budapest, dove tutto è bello.

Ci spostiamo poi in Austria per visitare Vienna, che riteniamo essere una delle più belle capitali europee. La città è ricca di splendidi edifici e di grandi parchi fioriti. D’altra parte, siamo tornati ai prezzi dell’Europa occidentale, con tutto ciò che sembra inaccessibile.

Abbiamo attraversato laGermania, fermandoci solo per sgranchirci le gambe, goderci gli ultimi momenti con i nostri amici e dormire un po’.

Escursioni in Romania

Giugno: Francia

Abbiamo trascorso qualche giorno nell’est della Francia, che conoscevamo poco, e abbiamo colto l’occasione per esplorare Strasburgo, dove abbiamo rapinato una panetteria. C’era una carenza di viennoiserie francese. Dopo aver lasciato i nostri amici di avventura, abbiamo visitato diversi villaggi alsaziani (Obernai, Ribeauvillé, Riquewihr…).

Ci siamo poi diretti a Lione per incontrare i nostri amici Anaïs e Julien, che avevamo conosciuto sull’Isola diPasqua nel 2016 durante il nostro viaggio intorno al mondo con lo zaino in spalla.

Questo ha segnato la fine del nostro viaggio e siamo stati felici di concluderlo con i nostri amici, che hanno capito perfettamente le nostre emozioni contrastanti. Eravamo tristi per la fine del viaggio, ma allo stesso tempo impazienti di tornare dalle nostre famiglie e dai nostri amici.

giro in bicicletta Austria

Quale veicolo per un tour in Europa?

Vi consigliamo di noleggiare un camper, un furgone o un furgone trasformato, cosa che purtroppo non abbiamo potuto fare. Vi consigliamo di noleggiare il vostro camper, furgone, camper, ecc. tra privati, utilizzando la piattaforma Yescapa, che mette in contatto affittuari e proprietari. È un’azienda francese con sede a Bordeaux e, con oltre 13.000 veicoli in offerta, troverete sicuramente quello che state cercando!

Era in programma, ma la mia prima gravidanza non è stata così rilassante come avevamo immaginato, quindi abbiamo dovuto cancellare molti weekend e fughe.

Abbiamo invece consultato numerosi blog e siti web di camper e partecipato a fiere per vedere il maggior numero possibile di veicoli. L’Itinéo SB 720 soddisfaceva tutti i nostri requisiti ed era il veicolo che Jill e Clem di Raised On The Road avevano in quel momento (per saperne di più su di loro). Siamo stati chiaramente influenzati.

È un camper molto spazioso con un vero e proprio salotto, una grande cucina (a forma di L) e letti a castello sul retro. Non ci siamo affatto pentiti della nostra scelta, ci siamo sentiti davvero a casa.

Abbiamo anche trascorso molte ore ad attrezzare il nostro veicolo per questo viaggio, quindi abbiamo messo insieme un elenco dei nostri accessori essenziali per camper. Alcuni di questi potrebbero sorprendervi, quindi non esitate a condividere i vostri alla fine dell’articolo.

Spiaggia Wild Spot Van Greece

Dove dormire gratis, i nostri consigli?

La ricerca di posti per dormire e di spazi per organizzare servizi richiede chiaramente molto tempo. Nella maggior parte dei Paesi visitati, il bivacco è tollerato al di fuori dei parchi naturali e delle aree protette, tranne che in Portogallo, dove è vietato campeggiare al di fuori delle strutture. Abbiamo trovato bivacchi per camper e furgoni liberi e autorizzati nel 90% dei casi.

Per trovare i nostri posti, abbiamo usato la famosa applicazione Park4night. Con l’opzione a pagamento (circa 2 euro al mese o 10 euro all’anno) possiamo aggiungere dei filtri alla nostra ricerca, come ad esempio “valutazione superiore a 4/5”, “area libera CC stat.”, “area giochi”, ideale per tenere occupata nostra figlia e conoscere altri bambini.

Completiamo la nostra ricerca cercando di individuare i parcheggi lontani da qualsiasi civiltà su Google Maps e chiedendo ad altri viaggiatori.

In sintesi, avete diverse opzioni per il parcheggio gratuito:

  • Le aree comuni (molti municipi giocano) sono spesso stipate come sardine: non è assolutamente Instagrammabile, ma per una notte è più che sufficiente. Li abbiamo trovati soprattutto in Francia, Spagna, Austria e Germania. I servizi sono generalmente gratuiti e, dato che il parcheggio è consentito, abbiamo potuto dormire senza paura di essere disturbati o svegliati nel cuore della notte, cosa potremmo chiedere di più?
  • Parcheggi aperti alle auto o in campagna, dove chiaramente cerchiamo di essere il più discreti possibile. Evitiamo i parcheggi troppo vicini alla strada (ci piace dormire in un posto tranquillo), i ristoranti, soprattutto nei fine settimana, e le zone trafficate per non disturbare gli altri automobilisti e soprattutto la gente del posto. Vi consigliamo di leggere attentamente le ultime recensioni di Park4night, poiché le autorizzazioni cambiano regolarmente. Abbiamo trovato luoghi magnifici, in riva al mare o nel cuore della natura, in Grecia e in Romania. Il Paese più complicato in termini di bivacchi è stato l’Italia, dove abbiamo trascorso molte notti in parcheggi poco eleganti.

I nostri ultimi consigli per dormire in un bivacco selvaggio: vi consigliamo di scegliere piazzole lontane dai principali punti di interesse, di viaggiare fuori stagione e di chiedere alla gente del posto se è possibile parcheggiare per la notte!

Siamo riusciti a trovare alcuni posti fantastici se abbiamo cercato bene, e siamo anche riusciti a trovare alcuni posti con vista sul mare, soprattutto in inverno, se ci si allontana dalle città e dalle zone turistiche!

Abbiamo anche dormito nei parcheggi dei centri urbani, che non erano sempre molto puliti o belli… il vantaggio di un camper è che una volta dentro, si possono chiudere le imposte e sentirsi quasi soli al mondo, fino a quando un’auto non si ferma accanto a te con la musica a tutto volume. Ci sono anche degli svantaggi associati a questo stile di vita nomade: niente è mai perfetto!

Campeggio sauvage camping car Grèce vue

Quale budget per un tour in Europa?

Abbiamo ipotizzato un budget di 1.500 euro al mese, che era il budget medio di molte famiglie. Alla fine abbiamo speso più o meno 2.000 euro al mese, ma dopo aver parlato con altri viaggiatori, questa differenza si spiega principalmente con il modo in cui calcoliamo il budget complessivo.

In altre parole, copriamo tutte le spese di viaggio. Anche i piccoli lavori che abbiamo fatto sul nostro camper, l’assicurazione sanitaria che abbiamo pagato prima di partire e i nostri abbonamenti a Netflix e al telefono, che abbiamo mantenuto durante questo viaggio.

Inoltre, dato che lavoravamo allo stesso tempo, volevamo sicuramente concederci più uscite e ristoranti.

Abbiamo speso circa 20.000 euro per il nostro viaggio di 10 mesi. Di seguito troverete le nostre principali voci di spesa, oltre a quelle a cui non pensiamo necessariamente (come quelle relative ai camper).

Ovviamente, questo budget può variare enormemente da un progetto all’altro. Se volete visitare solo i Paesi del Nord Europa, dovrete prevedere un budget maggiore. In breve, ci sono quasi tanti budget quanti sono i viaggiatori.

Il nostro budget dettagliato per il nostro tour di 10 mesi in Europa per una famiglia di 2 adulti e 1 bambino


Spese quotidiane (acquisti, ristoranti, visite, campeggio, vestiti…) 16 488 €
Spese per il camper (batterie, lucernario, pannelli solari e materasso) 1 365 €
Assicurazione sanitaria Cap Aventure 1 000 €
Assicurazione del veicolo 380 €
Abbonamenti (Netflix, Spotify e telefoni) 770 €
BILANCIO TOTALE 20 000
Bilancio mensile 2 000 €
Meteora Grecia

Cosa significa viaggiare con un bambino piccolo + i nostri consigli?

Questa è una domanda che viene posta regolarmente. Nostra figlia, che aveva un anno e mezzo quando siamo partiti, si è adattata alla nostra nuova vita abbastanza rapidamente. A nostro avviso, viaggiare in camper è il modo ideale per viaggiare con i bambini piccoli. Anche se l’ambiente del bambino cambia quasi ogni giorno, una volta a bordo del veicolo il bambino ritrova l’ambiente e l’orientamento. In caso di imprevisti, come ad esempio un ritardo di 6 ore della nave in caso di pioggia, avere un posto dove aspettare è un vero lusso.

Ovviamente, all’inizio ci vuole un po’ di tempo per abituarsi, perché un’escursione di diversi chilometri con un cambio di altitudine potrebbe non essere la migliore idea con un bambino in fascia a 35 gradi. La visita a un sito antico non è un’attività entusiasmante per un bambino piccolo, quindi dovrete andare presto e limitarvi a 1h30 – 2h in loco, oppure la visita con altre famigliepoi trovare un area giochi o unirsi a un sessione in spiaggia al termine della visita.

In breve, bisogna gestire con attenzione i tempi di riposo e di gioco e, una volta che tutti si sono ambientati, tutto funziona come un orologio. Stiamo pensando di contattare Le Routard per scrivere una guida di viaggio sui parchi giochi più belli d’Europa, visto che ci abbiamo passato molto tempo 😉

Viaggiare con un bambino rende molto più facile interagire con la gente del posto, che è sempre stata felice di chiacchierare o giocare con Lison.

Un ultimo punto: dopo qualche mese di viaggio, chiedeva sempre più spesso di giocare con altri bambini della sua età, così abbiamo deciso di incontrare altre famiglie in Grecia per soddisfare le sue esigenze.

Tuttavia, siamo stati contenti di avere le nostre famiglie che ci hanno aiutato al ritorno dal nostro viaggio, perché 10 mesi ininterrotti con il proprio figlio, siamo onesti, sono un po’ stancanti. La prossima volta andremo con i nonni alla pari (mandateci i vostri CV) 😉

Oggi si descrive come“una piccola viaggiatrice“, adora guardare il nostro libro di viaggi e siamo così felici di aver creato tutti questi ricordi in famiglia!

A cosa dovete pensare prima di partire?

Assicurazione sanitaria di viaggio

Per noi, avere una buona assicurazione sanitaria per il nostro viaggio è stata una scelta ovvia. Volevamo essere coperti in caso di problemi o di minimi dubbi e volevamo poter andare dal medico senza esitazioni (ed è esattamente quello che abbiamo fatto).

Abbiamo deciso di tornare al pacchetto Cap Aventure di Chapka Assurance. A nostro avviso, questa è l’offerta più interessante sul mercato. Offre un buon rapporto qualità-prezzo. Inoltre, il servizio di teleconsulto è incluso nel pacchetto quando si viaggia con i bambini, quindi è un grande vantaggio poter raggiungere un medico in qualsiasi momento.

Abbiamo scritto un articolo sulla nostra opinione e sulla nostra esperienza con Chapka, specificando quando abbiamo dovuto ricorrere alla nostra assicurazione e se eravamo coperti o meno. Attenzione: siamo rimasti completamente soddisfatti del servizio fornito da Chapka.

Il nostro prezzo era di 100 € per noi 3 (2 adulti e 1 bambino) al mese, e abbiamo approfittato dello sconto famiglia (-15%). Le tariffe variano in base alla durata del contratto.

Spiaggia di Salonicco

Noleggiare un veicolo per una prova di guida

Vi consigliamo di noleggiare il vostro camper, furgone, camper, ecc. tra privati, utilizzando la piattaforma Yescapa, che mette in contatto affittuari e proprietari. È un’azienda francese con sede a Bordeaux e, con oltre 13.000 veicoli in offerta, troverete sicuramente quello che state cercando!

È molto semplice da usare: si seleziona la città di partenza, poi le date del viaggio e la piattaforma suggerisce i veicoli disponibili.

Poi si può ordinare per prezzo, numero di letti, chilometri illimitati, possibilità di viaggiare all’estero o meno…. La cosa più importante, secondo noi, sono i commenti degli altri inquilini: leggere i vari feedback vi darà molte informazioni (affidabilità dell’annuncio, inquilino accomodante e disponibile, ecc.) e vi rassicurerà!

➡️ Allarme bonus: approfitta di uno sconto di 40 euro, con il codice MAI23 cliccando sul codice o sul link sottostante.

Il codice è valido per prenotazioni effettuate fino al 31 maggio 2023 incluso, per viaggi in qualsiasi periodo dell’anno. In breve, è il momento di provarlo!

Monemvasia Grecia

I nostri blog e canali You Tube preferiti:

Di seguito un piccolo elenco delle nostre risorse di viaggio per camper e furgoni:

  • You Tube: Jill e Clem del canale You Tube Raised On The Road, uno dei nostri canali You Tube preferiti: una famiglia di 6 persone che condivide le proprie avventure in camper e ora in furgone, il tutto all’insegna del buon umore! E non dimentichiamo i Nesta, un’altra adorabile famiglia di 5 persone che vive sulla strada e che ci piace seguire regolarmente.
  • Famiglie Autour du Monde: è il sito da utilizzare quando si viaggia per incontrare altri viaggiatori. La sezione“Viaggi in corso” contiene una mappa interattiva su cui sono posizionate le diverse famiglie (registrate sul sito). Grazie a questo blog, abbiamo conosciuto molte famiglie durante il nostro viaggio.
  • Blog : Yoyo e i suoi 4 avventurieri, Jonathan, Stéphanie e i loro adorabili bambini, con cui abbiamo condiviso una bellissima settimana in modalità slow life in Grecia. Il loro blog è ricco di consigli pratici prima del viaggio e hanno apportato molte piccole e intelligenti modifiche al loro camper per migliorare i loro viaggi quotidiani“Le invenzioni di Jo“.
  • Blog: Marie e Thimoté, del blog Objectif Terre, con cui abbiamo trascorso il Capodanno e qualche giorno in Bulgaria. Le loro foto sono magnifiche e vi faranno venire voglia di partire subito.
  • Leggendo:“Et si on plaquait tout?(E se mollassimo tutto?), la folle scommessa di una famiglia sulle strade del mondo, Audrey de la Family Coste racconta la loro folle avventura in una carovana americana dal Canada al Messico. È un libro che è stato di grande ispirazione per il nostro anno di viaggi in camper.
  • Lettura: “L’odyssée électrique: 20.000 KM, 120 jours, un Tuktuk électrique(L’odissea elettrica: 20.000 km, 120 giorni, un tuktuk elettrico ), un resoconto del viaggio in tuk-tuk elettrico, una forma di viaggio molto originale. Una storia rinfrescante e ancora una volta stimolante!
Viaggio di famiglia in campeggio in Europa

Ci piaceva viaggiare per l’Europa in camper con tutte le nostre cose, senza doverle trasportare – beh, le nostre poche cose, visto che non vivevamo nemmeno in un castello. Avevamo sempre più roba di quanta ne avessimo nello zaino.

Che ne sarà di noi? Abbiamo visitato la Bretagna in camper per 2 settimane a settembre. Siamo stati sull’Ile d’Oléron per qualche mese , quindi date un’occhiata alle nostre 15 attività per la vostra visita.

Abbiamo poi trascorso 5 mesi in Scandinavia, alla scoperta dei Paesi del Nord Europa e delle loro bellissime capitali, tra cui Stoccolma, che ci è piaciuta moltissimo.

Abbiamo in programma un viaggio più lungo in primavera e vorremmo riprovare a vivere in co-abitazione alla fine dell’anno. Abbiamo già in mente di ripartire per diversi anni nei prossimi 2-3 anni!

Vi ringraziamo per aver letto fino alla fine: è un articolo che ci è piaciuto molto, anche se ci abbiamo dedicato molte ore. Speriamo di aiutare altri viaggiatori a prepararsi per il loro tour in Europa. Non esitate a farci domande qui o su Instagram.

Donnez une note à cet article :
0 avis (0/5)
Partagez notre article
Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
Picture of Floriane
Floriane
Mi chiamo Floriane e sono un'avventuriera e un'appassionata di viaggi fin da quando ero molto giovane. Più di ogni altra cosa, mi piace condividere con voi le nostre storie di viaggio e i nostri consigli. Amiamo le brevi fughe così come i lunghi viaggi. Questo blog è nato dopo il nostro viaggio intorno al mondo con lo zaino in spalla. Abbiamo anche fatto un tour di famiglia in Europa.
Nos articles complémentaires

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.