Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Rassegna 2023 – Personale e blog, in cifre, in immagini…

Quest’anno, finalmente, ci prendiamo il tempo di scrivere un articolo più personale. Siamo abituati a fare bilanci annuali, che ci permettono di fare il punto su quanto abbiamo fatto e anche di prepararci per l’anno successivo! Ma non ci siamo mai presi il tempo di scrivere un articolo al riguardo.

È anche il tipo di articolo che amiamo leggere da altri blogger, spesso impariamo molto e ci ispira sempre molto. Speriamo quindi, nel nostro piccolo, di fare lo stesso.

Rassegna personale e di viaggio 2023

Se siete appena arrivati qui e non ci conoscete, vi raccontiamo tutto di noi in un articolo intitolato Chi siamo, e ci sono alcune chicche nelle foto!

Siamo Floriane e Matthieu, rispettivamente di 35 e 36 anni, e siamo appassionati di viaggi, soprattutto di viaggi a lungo raggio. Ci piace immergerci nell’atmosfera limitando il numero di attività per trarne il massimo beneficio. Nel 2016 e nel 2017 abbiamo girato il mondo con lo zaino in spalla per un anno.

Poi, tornati in Francia, dopo essere diventati genitori nel 2020, abbiamo deciso di concentrarci sull’esplorazione del continente europeo, cosa che abbiamo fatto per 14 mesi in camper. È un modo di viaggiare che amiamo, perché è perfettamente adatto a viaggiare con un bambino piccolo. Il nostro piccolo avventuriero aveva un anno e mezzo quando siamo partiti per la prima volta.

Per quanto riguarda la nostra carriera professionale, approfondiremo di seguito: dopo aver lavorato per un’azienda, ora siamo liberi professionisti e lavoriamo a distanza. Questo significa che possiamo partire più spesso e più a lungo.

Viaggio: 4 mesi in Scandinavia

Allora, dove andiamo?

Iniziamo questo articolo con la cosa più bella del nostro anno 2023, il nostro viaggio di 4 mesi in Scandinavia, che non avevamo affatto programmato. Avevamo in mente altri progetti che non si sono mai concretizzati. Tutto questo per dire che anche noi abbiamo la nostra parte di problemi, proprio come tutti gli altri.

Poiché il nostro camper era tecnicamente pronto, non ci restava che caricarlo e partire per la nostra avventura. Questo è l’aspetto che più ci piace di questo modo di viaggiare, la flessibilità che ci offre. Possiamo partire per l’Europa quasi da un giorno all’altro, e poi prendere il tempo necessario per pianificare l’itinerario man mano che si procede.

Avevamo in mente 3 destinazioni (non siamo mai a corto di idee per i viaggi), ma la nostra scelta finale è stata la Scandinavia. Così abbiamo deciso pochi giorni prima di metterci in viaggio, perché per noi non è affatto naturale viaggiare nei Paesi del Nord in estate.

Durante la preparazione di questo viaggio, abbiamo letto molti resoconti di viaggiatori in veicoli convertiti che si lamentavano di soffrire per il clima estivo capriccioso, soprattutto in Norvegia. È vero che in camper non si può stare al chiuso; trascorriamo gran parte delle nostre giornate all’aperto, quindi il clima è sempre un criterio importante nella scelta delle destinazioni.

Perché ci siamo innamorati della Scandinavia in estate? Molti viaggiatori classificano la Norvegia come uno dei paesi più belli d’Europa. Volevamo farci un’opinione personale, e in effetti la capiamo, quindi la sosteniamo totalmente. Un secondo criterio è il costo della vita terribilmente alto in Scandinavia (il costo della vita è circa 30% in più rispetto alla Francia) sapevamo che, partendo in camper senza dover pagare l’alloggio ogni notte e facendo scorta di cibo, avremmo ridotto drasticamente il costo di un viaggio in questi Paesi.

A titolo di confronto, abbiamo speso al mese la stessa cifra che abbiamo speso per il nostro viaggio nell’Europa meridionale. Abbiamo limitato drasticamente le nostre spese, grazie alla spesa, non mangiando fuori e inoltre, essendo questo un paese con molte riserve naturali, la buona notizia è che le escursioni sono ancora gratuite!

Che strada abbiamo preso?

Nous avons traversé très rapidement la France et l’Allemagne pour arriver au plus vite au sud de le Suède (à Trelleborg). Nous avons longé pendant une dizaine de jours la côte sud-ouest de la Suède. Puis nous avons enchaîné sur 7 semaines merveilleuses en Norvège, en partant du sud jusqu’à l’île de Senja, évidemment en faisant un énorme stop aux incroyables îles Lofoten.

In secondo luogo, avevamo bisogno di riposare dopo il nostro soggiorno in Norvegia e volevamo tornare a casa con calma. Così abbiamo esplorato di nuovo la Svezia per circa un mese, tra cui Stoccolma Poi abbiamo trascorso una quindicina di giorni sul Danimarca con alcuni giorni nella magnifica città di Copenaghen. Infine, abbiamo terminato con 2 settimane impegnative nelEst della Franciadi cui sappiamo molto poco.

Abbiamo iniziato a scrivere un articolo completo su questo viaggio sul nostro blog, che dovrebbe uscire a breve.

Com’è la Scandinavia in estate?

Nessuna suspense, è stato semplicemente incredibile, ci siamo divertiti un mondo! Ci siamo innamorati della costa sud-occidentale della Svezia, dove abbiamo scoperto che lo stile di vita svedese è molto diverso dal nostro: più organizzato, più rispettoso, l’amore per la bellezza è onnipresente e i bambini sono considerati come esseri a sé stanti. In breve, gli svedesi hanno adottato uno stile di vita basato sul benessere e sulla felicità in tutta la sua semplicità, che ha avuto un enorme impatto su di noi. E ci sono molti parchi naturali in tutta la Svezia. Questo ci ha fatto venire voglia di trasferirci in Svezia.

E siamo rimasti stupiti dalla bellezza del paesaggio norvegese quasi ogni giorno delle nostre 7 settimane. Questo paese offre un’incredibile diversità di paesaggi: fiordi, laghi, foreste, cascate, ghiacciai, spiagge paradisiache, montagne… E non dimentichiamo tutti gli animali che abbiamo avuto la fortuna di vedere in natura, tra cui un alce e il suo piccolo e numerose renne. Fino al nostro ultimo giorno in Norvegia, è stato uno spettacolo da vedere e non ci siamo mai stancati.

Questo Paese è entrato di diritto nella nostra lista dei Paesi preferiti. Vale anche la pena di notare che abbiamo avuto un tempo incredibile con solo pochi giorni di pioggia, che si possono contare sulle dita di una mano. Il tempo è stato eccezionale e ne abbiamo approfittato ogni giorno.

Un viaggio non è fatto solo di bei paesaggi, ma anche di incontri con nuove persone. Abbiamo anche incontrato alcuni grandi viaggiatori, sia spontaneamente che grazie ai social network. Mentre scriviamo questa relazione, i nostri pensieri sono rivolti ai nostri amici Justine e Rénald, con i quali abbiamo viaggiato per 6 settimane in Norvegia.

Com’è viaggiare con un bambino di 3 anni?

Questa è ovviamente una domanda ricorrente: quali consigli avete per viaggiare con un bambino piccolo? In realtà, abbiamo già risposto a questa domanda nel nostro articolo sul nostro tour in Europa. Abbiamo viaggiato per 10 mesi con nostra figlia, che aveva un anno e mezzo all’inizio del nostro precedente viaggio.

In questa sede, quindi, ci concentreremo sulle differenze, visto che all’epoca del nostro viaggio in Scandinavia aveva 3 anni e un’esperienza di 10 mesi in camper. Tutto sommato, la partenza è stata molto più facile per lei, così come la routine quotidiana di tutta la famiglia. Si era già orientata, conosceva a fondo il camper e il nostro modo di viaggiare. Consideriamo il nostro camper come la nostra seconda casa, o addirittura la nostra casa principale, dato che non abbiamo ancora una residenza principale.

Questa è un’età in cui i bambini hanno forti esigenze di autonomia, quindi abbiamo ottimizzato i nostri interni in modo che possa fare le cose da sola. Abbiamo sistemato il suo lettino con i suoi giochi in modo che possa accedervi facilmente, e uno spazio con i suoi vestiti in modo che possa mettersi il pigiama da sola, per esempio. Approfondiremo questo punto nell’articolo sui nostri 4 mesi in Scandinavia.

Recensione dopo lunghi viaggi

È un argomento di cui di solito non parliamo, perché non ci sentiamo necessariamente legittimati o compresi a parlare della difficoltà di tornare a uno stile di vita sedentario. Questo è il nostro terzo grande ritorno, e per una volta è un ritorno un po’ più dolce di quelli precedenti. È un argomento un po’ tabù, ma il ritorno da un viaggio di diversi mesi è sempre difficile. Dopo la bolla del viaggio, il ritorno a casa significa spesso una montagna di cose da affrontare: questioni amministrative, ricerca di un alloggio, adattamento a un nuovo ritmo, meno tempo per divertirsi…

Dopo il nostro ritorno un po’ catastrofico nella primavera del 2022 (dopo i nostri 10 mesi in Europa del Sud) e quello del 2017, completamente fallito, dopo il nostro giro del mondo, abbiamo imparato dai nostri errori e questa volta volevamo essere più preparati.

Per coloro che stanno lottando per tornare dai loro viaggi, o che torneranno presto, ecco cosa abbiamo cercato di mettere in atto

Trovare un posto dove vivere: se non possedete la vostra residenza principale, come noi, è meglio pianificare in anticipo il vostro ritorno. Nel nostro caso, saremmo partiti solo per pochi mesi, quindi sapevamo già che dovevamo vivere vicino all’oceano. Prima di partire, avevamo trovato la nostra base per il ritorno all’Ile d’Oléron.

Stiamo già facendo progetti di viaggio: stiamo programmando un viaggio al sole a febbraio e un viaggio più lungo tra qualche anno.

– sperimentare nuove attività: abbiamo provato il surf, la vela a lunga distanza e abbiamo ripreso le attività sportive che ci piacevano prima. È un ottimo modo per affrontare nuove sfide e conoscere nuove persone.

vita sociale : circondatevi di persone stimolanti e positive che vi aiutino ad andare avanti, questo è un punto molto importante da non trascurare.

Naturalmente, anche noi abbiamo avuto la nostra parte di problemi e non tutto è successo da un giorno all’altro. La cosa principale per noi era mantenere il nostro ritmo personale e il nostro bisogno di scoprire il più possibile.

L’isola di Oléron la nostra base

Come potete immaginare, abbiamo trovato la nostra base sull’isola di Oléron. Durante il nostro viaggio nell’Europa meridionale ci siamo resi conto che vivere in riva al mare è molto bello.

Abbiamo affittato una casa per 10 mesi durante l’anno scolastico. Questo ci dà il tempo di pensare alla prossima tappa della nostra avventura. Nel frattempo, approfittiamo di questo incredibile scenario naturale per lavorare in tutta tranquillità.

Se desiderate esplorare questo piccolo angolo di paradiso, abbiamo raccolto una serie di articoli per aiutarvi a organizzare il vostro soggiorno sull’isola di Oleron, con tutti i nostri indirizzi utili.

Valutazione professionale

Come si fa a guadagnare?

Come promemoria, prima di partire per il nostro giro del mondo, vivevamo a Parigi: Matthieu aveva avviato un’attività in proprio e io lavoravo in un’agenzia di comunicazione. Quando siamo tornati a Bordeaux, io sono diventata insegnante e Matthieu ha lavorato in un’agenzia SEO.

Dal giugno 2021 abbiamo cambiato ancora una volta vita, il che non dovrebbe sorprendervi più di tanto. Oggi siamo entrambi lavoratori autonomi. Questo ci permette di viaggiare a nostro piacimento.

Siamo diventati genitori nel 2020, nel bel mezzo di una pandemia, e ci siamo subito resi conto che avevamo bisogno di tempo e flessibilità nei nostri orari per essere disponibili per nostra figlia. Se dobbiamo entrare in una scatola, siamo una famiglia semi-nomade. Sappiamo che questa modalità non è adatta a tutti, ma ci piace avere variazioni/cambiamenti nei nostri progetti professionali e personali.

In questi giorni ci destreggiamo tra 3 attività professionali, quindi le nostre giornate sono piene di ritmo e non ci annoiamo mai!

  • Matthieu è un SEO freelance da 4 anni e quest’anno ha segnato una vera e propria svolta per lui, poiché ha lavorato con pochi clienti su progetti più grandi. (35% delle nostre entrate)
  • Entrambe lavoriamo al blog di viaggi e io mi occupo principalmente della scrittura e delle pubbliche relazioni. Matthieu si concentra sull’aspetto tecnico e, naturalmente, sulla SEO, e tiene sotto controllo le nostre statistiche. (45% delle nostre entrate)
  • Abbiamo anche un’attività di affitto di immobili a breve termine, che ci tiene molto occupati! (20% delle nostre entrate)

Essere indipendenti

Non era sempre ovvio (soprattutto per me, Floriane). Non avere uno stipendio fisso ogni mese è una notevole fonte di stress, soprattutto perché abbiamo due attività legate al turismo e il contesto economico ed ecologico non è sempre favorevole per noi.

Riduzione delle spese

Grazie ai viaggi a lungo raggio e al nostro stile di vita semi-nomade, abbiamo ridotto drasticamente le spese, acquistando la maggior parte delle nostre cose di seconda mano. Questo ci ha permesso di sviluppare le nostre attività professionali in tutta tranquillità.

Non siamo proprietari della nostra abitazione principale, quindi naturalmente limitiamo le spese per elettrodomestici, decorazioni, lavori edili, ecc. Poiché trascorriamo buona parte dell’anno in camper, cerchiamo di acquistare solo l’essenziale. Sappiamo che se compriamo troppo, dovremo immagazzinarlo da qualche parte e non verrà utilizzato.

Abbiamo anche scelto di trascorrere parte dell’anno sull’isola di Oléron, dove la maggior parte delle attività sono disponibili con un budget contenuto. Che si tratti di costruire castelli di sabbia o di pescare a piedi, la buona notizia è che è fresco e gratuito. Poiché viviamo in un ambiente con molte attività all’aperto, siamo anche meno tentati di partire per il fine settimana per staccare la spina.

Amministrazione

Non entreremo troppo nei dettagli, ma l’aspetto amministrativo e fiscale non è esattamente semplice quando si è lavoratori autonomi e si hanno diverse attività! Molto del nostro stress è legato al fisco, che non sempre ci invia i documenti giusti, e all’URSSAF!

E il lato positivo di tutto questo?

Ma concludiamo con gli aspetti positivi su cui non torneremo mai indietro! È anche molto gratificante generare un reddito proprio. E cerca nuove idee per sviluppare la propria attività. Questo ci permette di sviluppare nuove competenze e di imparare cose nuove. Un ultimo punto importante per noi è che siamo liberi di scegliere i nostri orari e i nostri spostamenti. Per esempio, abbiamo scelto di lavorare un po’ tutti i giorni in modo efficiente (quando possiamo) piuttosto che concentrare il nostro carico di lavoro sui giorni della settimana. Infine, ma non meno importante, ora abbiamo una rete di imprenditori con cui amiamo parlare.

Quest’anno siamo riusciti a ridurre le nostre attività per un mese, ma avevamo ancora cose da gestire, per esempio il nostro menu sul blog non funzionava più, a metà luglio, durante la nostra pausa, dovevamo ancora dargli un’occhiata! Questa pausa ci ha fatto un gran bene!

Il blog di viaggio in cifre

2016 nascita del blog

Scriviamo sul nostro blog dal 2016, anno del nostro giro del mondo, e ci è venuta subito voglia di condividere le nostre avventure. Facciamo parte del team che ama organizzare i propri viaggi e cercare piccole chicche che ci portino fuori dai sentieri battuti. Non sempre abbiamo trovato quello che cercavamo nelle guide turistiche. A quel tempo, leggevamo molti blog e a nostra volta eravamo molto veloci a scrivere per condividere con gli altri.

Nello stesso periodo è stato creato anche il nostro account Instagram, al quale Matthieu ha dedicato molto tempo durante il nostro tour mondiale.

Abbiamo sempre amato condividere qui, abbiamo sempre scritto qualche articolo, tra il 2016 e il 2020, ma avevamo bisogno di tempo per sentirci legittimati e osare di più.

2021 il ritorno e la professionalizzazione del blog

Poi, nel 2021, con il nostro secondo lungo viaggio, il desiderio di condividere più seriamente le nostre avventure qui è diventato sempre più forte. Così ho trascorso molte ore a scrivere contenuti nel 2021 e nel 2022, mentre viaggiavamo in Europa per 10 mesi nel 2021 e poi per 5 mesi nel 2023.

Inoltre, lo sviluppo di un blog richiede un’enorme quantità di tempo e risorse. Se vogliamo che i nostri articoli vengano letti, dobbiamo scrivere molti contenuti su un argomento in modo che Google ci consideri legittimi.

Ad esempio, non possiamo limitarci a scrivere un articolo su una grande città e sperare di salire nei motori di ricerca… Dobbiamo studiare ciò che le persone cercano e rispondere alle domande principali, pur rimanendo noi stessi onesti e autentici.

La stesura e la ricerca di un articolo richiedono diversi giorni. Con il tempo, ci siamo resi conto che ci piaceva sempre di più scrivere contenuti sul nostro blog, perché, a differenza dei social network, i contenuti hanno una reale forza di permanenza.

Infine, ma non meno importante, i vostri feedback e commenti ci hanno aiutato a perseverare.

Traffico

Siete stati 4 volte più numerosi che nel 2022, quindi siamo felici che gli ultimi anni di intenso lavoro stiano dando i loro frutti, quindi GRAZIE!

Abbiamo un forte aumento del traffico tra aprile e settembre, perché il 90% dei nostri contenuti è incentrato sull’Europa e sulla Francia, e questo corrisponde ai periodi di vacanza dei francesi in queste destinazioni.

Come altri blogger, siamo stati penalizzati in seguito all’aggiornamento dell’algoritmo di Google alla fine dell’anno, che ha comunque avuto un impatto sul nostro morale. Abbiamo identificato una serie di aree di ottimizzazione che sembrano dare i loro frutti, quindi le terremo d’occhio nel 2024!

Articoli

Nous avons également rédigé 60 nouveaux articles cette année, nous passons 2 à 3 jours pour rédiger un article, ça en fait du temps passé derrière nos ordinateurs. Clairement, nous ne garderons pas ce rythme, car c’est beaucoup trop, nous avions besoin de passer un cap en terme de nombre de contenus sur le blog pour le pérenniser.

La grande novità è che Matthieu ha scritto i suoi primi articoli, al ritmo di 2 al mese, e 3 al mese per me.

Aggiornamento

C’est un temps non négligeable, nous faisons partie des voyageurs qui aiment repartir aux mêmes endroits. Dès que nous avons de la famille ou des amis qui voyagent dans des destinations que nous avons traitées, nous leur demandons de vérifier certains points pour nous.

Chiediamo anche ad alcuni dei nostri lettori che ci contattano via e-mail o tramite i social network di darci un rapido feedback sul loro viaggio, dove poniamo loro direttamente alcune domande su punti che vorremmo aggiornare. E poiché abbiamo lettori così gentili, di solito sono felici di darci un feedback. Forse questa è una missione che intendiamo delegare nel 2024.

Per questo motivo cogliamo l’opportunità di aggiornare ogni anno circa il 30% dei nostri contenuti. In modo che le informazioni che vi forniamo non risalgano a più di 3 anni fa. Includiamo anche i commenti dei viaggiatori.

Reti sociali

Il 2023 segna il nostro ritorno su Instagram! Siamo stati molto presenti durante il nostro giro del mondo, ma poi abbiamo abbandonato il nostro account nel corso degli anni. Abbiamo condiviso molto durante il nostro viaggio in Scandinavia. Ci è piaciuto molto e ci ha dato l’opportunità di incontrare persone fantastiche durante il nostro viaggio. Oggi non abbiamo più tempo per condividere altro!

Un’ultima ragione del nostro ritorno a Intagram è che, essendo ora lavoratori autonomi, non abbiamo più colleghi, quindi lo scambio con altri colleghi è importante per noi. È anche un modo eccellente per fare rete con altre famiglie nomadi ecreatori di contenuti.

I commenti sul blog sono sempre più rari e francamente non abbiamo il riflesso di lasciarne neanche noi. D’altra parte, i lettori ci pongono spontaneamente delle domande su Instagram dopo aver letto i nostri post. Siamo sempre felici di parlare con voi qui o su RS.

Le nostre entrate dal blog

Viaggiamo e finanziamo i nostri viaggi da soli. Abbiamo scelto di concentrarci esclusivamente sul reddito passivo. Il 90% delle nostre entrate proviene dalle affiliazioni e il 10% dalla pubblicità su Google.

Che cos’è l’affiliazione? Quando cliccate sui nostri link(Booking, Getyourguide, Fnac…) per effettuare una prenotazione, riceviamo una piccola commissione, pagata dalla piattaforma. Potete anche inserire nei preferiti i nostri link contenenti il nostro login. Una volta cliccato sul link, non resta che prenotare.

Se desiderate sostenerci, uno dei modi migliori per farlo è utilizzare uno dei nostri link di affiliazione. Nei nostri articoli abbiamo inserito alcuni link ad alloggi e attività che abbiamo testato e approvato!

Évidemment, vous ne payez rien de plus tout en soutenant notre blog et notre travail, alors MERCI MERCI !

Questo denaro ci permette di finanziare parte del tempo che dedichiamo alla scrittura delle guide di viaggio, i nostri strumenti di lavoro, il nostro host web, il nostro nome di dominio, le attività che testiamo per essere il più trasparenti possibile quando ne parliamo qui…

Progetti 2024

Viaggi

Soprattutto, vogliamo approfittare della crescita di nostra figlia per viaggiare con lei durante le vacanze scolastiche.

  • A febbraio saliremo su un aereo – cosa che non facevamo da tempo – per andare al sole con la famiglia di Matthieu!
  • Viaggio in camper nell’aprile 2024: non abbiamo ancora deciso la destinazione, ma vogliamo approfittare delle vacanze scolastiche e del ritorno del bel tempo per esplorare una nuova parte d’Europa.
  • Lungo viaggio la prossima estate, destinazione ancora in fase di ricerca!

Professionale

Ci concentreremo soprattutto sul blog. Per quanto riguarda gli altri progetti, non ci saranno grandi cambiamenti nel 2024!

  • Non c’è bisogno di commentare la riprogettazione del sito, di cui c’è estremo bisogno.
  • Social network: continuate a postare e condividere con voi più regolarmente, soprattutto su Instagram!
  • Newsletter: questo è chiaramente un aspetto che non abbiamo sviluppato a sufficienza. Siamo abbonati a una serie di newsletter di creatori di contenuti che ci piace ricevere. Pensiamo che sia un ottimo modo per tenersi in contatto!
  • Trovare una nuova idea di viaggio al di fuori del blog, scrivere un libro o iniziare un corso di formazione: è tutto ancora da scrivere! Non esitate a darci le vostre idee! L’idea è di essere meno dipendenti dall’affiliazione…

Bilancio

Ci è stata posta questa domanda (grazie) e siamo lieti di poter rispondere!

Cosa vorremmo tenere?

Il punto di svolta per noi nel 2023, e quindi il punto più importante per noi, è mantenere la nostra flessibilità geografica e quotidiana. Per noi è fondamentale poter vivere dove vogliamo. Ci piace cambiareregolarmente luogo eambiente. Ci piace anche sentirci liberi di organizzare i nostri programmi. Ad esempio, il tempo è stato bello solo per 4 giorni nel dicembre 2023, quindi siamo stati felici di poter sfruttare quei 4 giorni per trascorrere il maggior tempo possibile all’aperto.

Cosa vorreste migliorare?

Ci sono quindi diverse aree di miglioramento e qui parleremo delle principali:

  • Essere meglio organizzati dal punto di vista amministrativo, visto che negli ultimi 10 anni abbiamo cambiato più volte indirizzo. Finalmente ci siamo registrati presso il Courrier du Voyageur, il che significa che la nostra posta arriva nello stesso posto e che la riceviamo scansionata. Al giorno d’oggi tutti i nostri documenti sono digitalizzati, il che è molto utile per trovare un pezzo di carta quando si è in giro!
  • Per avere un vero posto dove stare, non appena potremo permettercelo! E non vivere più continuamente in scatole di cartone…
  • Il mese di pausa di quest’estate e la pausa natalizia sono stati momenti importanti per ricaricare le batterie al 100%.

Cosa vorreste avviare e interrompere?

Non sapevamo come rispondere a questa domanda! Abbiamo trovato un equilibrio che ci soddisfa, con aree di miglioramento, ma niente che debba essere interrotto completamente o iniziato con urgenza!

E finalmente!

Vorremmo ringraziarvi per la vostra fedeltà anno dopo anno! Continuate a lasciarci commenti, a farci domande via e-mail o a scriverci direttamente sui social network per incoraggiarci. È grazie a questi scambi che siamo ancora qui e che ci sentiamo davvero utili!

Ci è piaciuto molto fare questa recensione per poter condividere con voi in tutta onestà ciò che accade dietro le quinte del nostro stile di vita. Vi ringraziamo per aver letto fino alla fine. Saremo lieti di ricevere il vostro feedback e i vostri commenti, perché la vostra opinione conta e ci aiuta a portare avanti i nostri progetti!

Vi auguriamo il meglio per il 2024 e vi consigliamo di credere nei vostri sogni e di fare tutto il possibile per realizzarli!

Donnez une note à cet article :
0 avis (0/5)
Partagez notre article
Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
Floriane
Floriane
Je m'appelle Floriane, aventurière et passionnée de voyages depuis mon plus jeune âge. J'aime plus que tout partager nos récits et astuces de voyage avec vous. Nous aimons les escapades courtes ainsi que les voyages longs. Ce blog est né après notre Tour du Monde en sac à dos. Nous avons également réalisé un tour d'Europe en famille.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.