Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Viaggio in famiglia di 15 giorni in Svezia, il nostro itinerario e il nostro budget

La costa svedese di Bohuslan: capanne colorate nel villaggio di Smogen

Vi state chiedendo cosa vedere e fare durante il vostro viaggio in Svezia? Dopo aver attraversato l’Europa meridionale in camper, volevamo esplorare i Paesi scandinavi (Svezia, Norvegia e Danimarca). Visitare ilNord Europa con un veicolo trasformato (furgone, camper, motorhome, ecc.) o in auto è l’ideale, poiché questi Paesi sono enormi e ciò consente di ridurre drasticamente il budget.

Di seguito, vi illustriamo il nostro itinerario di 15 giorni per famiglie nel sud-ovest della Svezia. Combina pittoreschi villaggi di pescatori con case colorate, parchi nazionali di incredibile bellezza e cittadine incantevoli.

Troverete anche tutti i nostri migliori bivacchi gratuiti, i nostri consigli sulle visite turistiche, il nostro budget, i nostri migliori indirizzi e tutti i suggerimenti necessari per sfruttare al meglio il vostro soggiorno!

Cosa vedere e fare nel sud della Svezia?

Non fraintendetemi, la Scania è una regione costiera incredibilmente pianeggiante e più soleggiata del resto della Svezia. È un po’ come la Costa Azzurra svedese, senza il cemento!

  • La costa del Bohuslän +++ , nel sud-ovest della Svezia, è rinomata per le sue bellezze naturali, i paesaggi marini e i tradizionali villaggi di pescatori. La costa è costellata di isole e isolotti che formano un pittoresco arcipelago. La costa è caratterizzata da imponenti scogliere e formazioni rocciose di granito, spesso levigate da millenni di erosione.
  • Città alberate dove la bicicletta la fa da padrona: durante il vostro viaggio in auto vi consigliamo di visitare Malmö, Lund e Göteborg. È un vero piacere visitare le città svedesi a piedi o in bicicletta.
  • I parchi naturali della Svezia offrono un’incredibile varietà di paesaggi naturali, da vaste foreste e laghi ad arcipelaghi rocciosi e spiagge sabbiose sulla costa meridionale. Sono santuari per una varietà di flora e fauna. Di solito c’è un piccolo naturum (museo) interattivo e gratuito, dove si può imparare tutto sul parco.
  • Incisioni rupestri risalenti all’età del bronzo, patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Ci siamo anche innamorati dello stile di vita svedese, molto diverso dal nostro: più organizzato, più rispettoso, l’amore per la bellezza è onnipresente.

In breve, gli svedesi hanno adottato uno stile di vita basato sul benessere e sulla felicità in tutta la sua semplicità, che ha avuto un enorme impatto su di noi. E ci sono molti parchi naturali in tutta la Svezia. Questo ci ha fatto venire voglia di trasferirci in Svezia. Siamo rimasti sorpresi dall’enorme quantità di cose da vedere e da fare in questa parte della Svezia.

Itinerario del nostro viaggio in Svezia + mappa

Giorno 1. Malmö e Lund
Giorno 2. Riserva naturale di Hovs Hallar + bivacco da sogno
Giorno 3. 4 e 5 Göteborg e il suo arcipelago
6° giorno. Costa del Bohuslän, i villaggi fuori mano di Klädesholmen e Mollösund

Giorno 7-8. Smögen, il villaggio più fotogenico
Giorno 9: Fjällbacka e il suo punto panoramico
Giorno 10. Incisioni rupestri a Tanum
Giorni 11 e 12. Oslo in Norvegia o Stoccolma in Svezia

Malmö, Lund e la Riserva Naturale di Hovs Hallar

J1. Malmö e Lund

Dopo esserci svegliati per la prima volta in Svezia, dopo un viaggio in barca di 8 ore (vi diremo di più su come arrivare in Svezia), che abbiamo trascorso nel parco giochi, ci siamo goduti la nostra prima notte in Svezia.

Prime impressioni: tutto è bello, il tempo è bello e caldo alle 21.00 e abbiamo dormito molto bene. Ci siamo subito lasciati incantare dalle graziosissime case di legno dipinte di rosso disseminate nella campagna svedese. I giardini sono superbamente curati, con un bel tetto di vetro che probabilmente funge da giardino d’inverno. Potremmo tranquillamente fare una Fika (pausa caffè + pasticceria) lì!

Ci siamo diretti a Malmö. La nostra prima visita è avvenuta sotto il sole e senza vento – non ci aspettavamo un tempo così all’inizio di maggio! Abbiamo visitato il gradevole centro storico e la famosa torre del Torso che gira.

Ci siamo poi diretti verso la cittadina di Lund, a soli 15 minuti da Malmö. Ci siamo davvero innamorati della città. Abbiamo visitato la città vecchia con le sue piccole case in mattoni e le porte colorate. Il giardino botanico è magnifico e ben curato, e i tulipani sono in gran numero. Tutto in questa città mi ricorda il mio anno di Erasmus nei Paesi Bassi nel 2009. Non che io stia ringiovanendo, ma quello è stato l’anno in cui mi è venuto il pallino dei viaggi, quindi mi piace rivivere quei ricordi di tanto in tanto (Floriane).

Abbiamo dedicato un articolo dettagliato alla visita di Malmo e Lund, che potete leggere qui.

Terminiamo la serata in un bivacco Park4night (#24433) sulle rive di un fiume con un piccolo pontile. Insomma, ne stiamo approfittando, ci sentiamo a casa e siamo fortunati a poter godere di tutti questi bei momenti con la nostra famiglia.

J2. Hovs Hallar Natura

Ci siamo diretti verso la Riserva Naturale di Hovs Hallar, una riserva naturale con scogliere spettacolari e una costa di granito rosa che ci ha ricordato il nostro viaggio in Bretagna. Potete scegliere uno dei sentieri escursionistici ben segnalati per esplorare questo piccolo angolo di paradiso.

Poi abbiamo trovato un posto da sogno per trascorrere la notte con una spiaggia e un pontone privato (#76474). Non avrei dovuto leggere tutti i romanzi polizieschi di Camilla Lackberg (un’autrice svedese), non ero sempre rassicurata nel mezzo di questa bellissima, fitta e oscura foresta.

Göteborg e il suo arcipelago

Giorni 3, 4 e 5: Göteborg, la città svedese da non perdere

Göteborg è la seconda città più grande della Svezia, eppure è sconcertantemente tranquilla. Il motivo è semplice: in città non ci sono praticamente auto e per limitare il traffico in centro è stato introdotto un sistema di pedaggio – che efficienza!

Ci è piaciuto molto girare per il centro storico e i vari parchi. È una città fantastica in cui vivere, con molti alberi e un’ottima rete ciclabile. Consigliamo Am Thuc Viet Restaurang, un buon ristorante vietnamita a prezzi ragionevoli (una rarità in Svezia).

Abbiamo dedicato un articolo alla visita dettagliata di Göteborg e del suo arcipelago sul blog.

Abbiamo soggiornato al campeggio Liseberg di Göteborg, a pochi chilometri in bicicletta dal centro città, molto pulito e tranquillo. La cucina in comune è dotata di lavastoviglie, un grande lusso quando si viaggia in camper. Ricordate di prenotare in anticipo in alta stagione (circa 30 euro a notte).

Costa del Bohuslän: visita a Smögen e Fjällbacka

J6. Klädesholmen e Mollösund, piccoli villaggi fuori dai sentieri battuti

Dopo qualche giorno in città, ci siamo diretti verso la magnifica costa del Bohuslän, che si estende dal nord di Göteborg alla Norvegia (Svezia sud-occidentale).

È un arcipelago di migliaia di isole , ognuna con il suo grazioso villaggio di pescatori. Ci siamo innamorati di questa regione fotogenica, calma e soleggiata in questo periodo dell’anno.

Va notato, tuttavia, che questa è una delle destinazioni turistiche più popolari della Svezia e il numero di piccoli villaggi è impressionante. Abbiamo comunque trovato il tempo di esplorare i popolari villaggi di Smögen e Fjällbacka, ed è facile capire perché attraggono così tante persone.

Abbiamo anche spulciato diversi blog per trovare piccoli villaggi autentici fuori dai sentieri battuti, e la nostra scelta è caduta sui villaggi di Klädesholmen e Mollösund, che abbiamo avuto praticamente a disposizione!

Il primo giorno abbiamo fatto una passeggiata nel villaggio di Klädesholmen, per nulla turistico, bello, pieno di fiori e tranquillo.

La particolarità di questa costa è che la maggior parte delle case sul lungomare sono dipinte di rosso, un cambio di scenario garantito. Si consiglia di raggiungere il punto panoramico presso la chiesa di Klädesholmens Kyrka, per godere di una splendida vista sul villaggio e sul suo porto.

Vi consigliamo di fermarvi alla panetteria Lottas Bak&Form a Surdegsbageri per provare il loro pane e soprattutto i famosi panini alla cannella Kanelbullar, tipici della Svezia. Per concludere la giornata, abbiamo visitato anche il villaggio di Mollösund, anch’esso molto grazioso.

Abbiamo dormito in un piccolo posto vicino alla strada (non molto frequentato di notte) e soprattutto vicino al mare Park4night #280054

J7-8. Smögen, un villaggio da non perdere

Smögen è il luogo più fotogenico della Svezia meridionale. Quando siamo arrivati nel tardo pomeriggio, il cielo era grigio, ma poche ore dopo c’era un sole splendente e un magnifico tramonto: la magia del tempo svedese.

Nostra figlia era già in pigiama, ma siamo comunque scesi tutti dal camper e abbiamo colto l’occasione per scattare 1.000 foto. Avevamo il pontile tutto per noi e nessuno è caduto in mare.

I sentieri escursionistici nella riserva naturale di Kleven intorno al villaggio sono ben sviluppati. Abbiamo fatto 2 brevi passeggiate (tra i 2 e i 3 km) sulle rocce di granito rosa, con molte scale e passerelle e viste mozzafiato. Il primo sentiero si trova a Vallevik Badplats e il secondo a Friluftsled Kleven su Google Maps.

Nostra figlia ha adorato arrampicarsi sulle rocce, salire le scale e attraversare i ponti con le sue scarpe da trekking, proprio come i grandi. È un ottimo modo per motivare i bambini a camminare.

C’era anche una bella spiaggia, un po’ fuori mano, dove i giovani svedesi venivano a pescare i granchi, Vallevik Badplats.

Abbiamo dormito nel parcheggio del villaggio, vicino ai rifugi e ai sentieri escursionistici. Park4night #68673

D-9 Fjällbacka e il suo punto di vista

Fjällbacka è il villaggio più noto della costa del Bohuslän ed è l’ambientazione del primo romanzo della scrittrice svedese di gialli Camilla Lackberg. Fjällbacka è la foto che abbiamo scattato a un piccolo villaggio di pescatori svedese.

Abbiamo fatto una passeggiata intorno al porto e nel villaggio colorato e pieno di fiori. La cosa migliore da fare a Fjällbacka è salire i 200 gradini che portano al belvedere di Vetteberget per una vista mozzafiato sugli isolotti rocciosi dell’arcipelago (l’inizio dell’escursione si trova nel parco giochi accanto al porto). Un momento che rimarrà a lungo nella nostra memoria.

Incisioni rupestri a Tanum

J10. Siti intorno a Tanum

Abbiamo concluso la nostra esplorazione della costa con le incisioni rupestri di Tanum, risalenti all’Età del Bronzo e dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Abbiamo iniziato visitando il sito delle incisioni rupestri di Litsleby, con l’annesso parcheggio. La vernice rossa non è originale, ma serve a far risaltare le incisioni ai visitatori.

Abbiamo poi concluso la nostra visita con una visita ai siti intorno al museo Vitlycke e al museo gratuito molto ben progettato. I siti sono all’aperto, con percorsi paesaggistici, e le passeggiate sono piacevoli come sempre in Svezia.

Abbiamo alloggiato nel parcheggio del museo, che è un posto Park4night.

Oslo in Norvegia o Stoccolma in Svezia?

Ci siamo diretti aOslo, in Norvegia, a sole 2 ore a nord delle incisioni rupestri di Tanum. Si può poi prendere un traghetto per il porto di Frederikshavn, nel nord della Danimarca.

Se disponete di un veicolo proprio, riteniamo che questa sia l’opzione migliore, in modo da non dover fare troppi viaggi di andata e ritorno. È possibile confrontare le tariffe delle diverse compagnie sul sito web Traghetti diretti .

Un’altra opzione è quella di rimanere in Svezia, attraversando il Paese da ovest a est per raggiungere Stoccolma, la capitale svedese (circa 6 ore di viaggio).È una delle nostre capitali europee preferite.

D11 e 12 Oslo, la capitale norvegese

Abbiamo trascorso 2 giorni alla scoperta della capitale norvegese. Ci è piaciuta molto la zona intorno alTeatro dell’Opera, con la sua bella vista sulla baia di Oslo e le saune galleggianti, le banchine che portano al Museo di Arte Moderna e il colorato quartiere di Grunerlokka. Lasciando Oslo, siamo andati a vedere l’impressionante pista di salto con gli sci – anche nostra figlia ne parla ancora.

Abbiamo dormito al punto #138515, 30 minuti a sud di Oslo, poi abbiamo parcheggiato per la giornata al Park4night #212733, prima di prendere il treno di 30 minuti per tornare a Oslo.

D11, 12 e 13: Stoccolma, la capitale svedese

È un’opzione che vale la pena considerare. Se, ad esempio, siete arrivati in aereo e avete noleggiato un’auto sul posto, potete restituirla all’aeroporto di Stoccolma, visitare la capitale svedese e poi prendere un volo per tornare in Francia.

Stoccolma è una delle nostre capitali europee preferite, che abbiamo visitato due volte, e abbiamo dedicato una serie di articoli per aiutarvi a organizzare il vostro soggiorno: visitare Stoccolma in 3 giorni.

Come si raggiunge il sud della Svezia dalla Francia?

Su strada

Questa è l’opzione che abbiamo scelto, e ci vogliono 2 giorni dal centro della Francia per raggiungere il sud della Svezia. Abbiamo esaminato varie opzioni e abbiamo scelto questa:

Abbiamo attraversato parte della Francia, il Lussemburgo e poi la Germania per raggiungere il porto di Travemünde (a nord di Amburgo, in Germania).

Vi consigliamo di confrontare i prezzi dei traghetti sul seguente sito web Traghetti diretti per trovare quello che meglio si adatta al vostro programma. Abbiamo viaggiato con TT Lines per 138 euro per un camper e 3 passeggeri. A seconda della compagnia, arriverete al porto di Malmö in Svezia o a Trelleborg (situato a pochi chilometri a sud di Malmö). Il traghetto era nuovo e aveva anche una sauna. Finnlines offre un arrivo a Malmö a una tariffa simile. Abbiamo preso la compagnia più adatta a noi in termini di tempi di attraversamento.

Si noti che le autostrade in Germania sono gratuite e che il diesel è generalmente più economico in Lussemburgo. Poiché attraverserete diversi Paesi in un breve lasso di tempo, non dimenticate di confrontare i prezzi del carburante.

In aereo

Gli aeroporti di Malmö o Göteborg sono raggiungibili in aereo dalla Francia. Allora noleggiate un’auto in Svezia per il vostro viaggio su strada. Potete ritirarlo all’aeroporto di Malmö o Göteborg e riportarlo a Stoccolma, ad esempio.

Viaggiare in treno

Per i viaggiatori che hanno tempo o che cercano un’alternativa all’aereo e all’auto, ecco alcune informazioni su come arrivare in Svezia in treno. Naturalmente, se scegliete questa opzione, vi consigliamo di fare delle soste nelle varie città che attraverserete.

Da Parigi, Gare de Lyon, è possibile raggiungere Basilea (in Svizzera) con un TGV diretto (circa 3 ore di viaggio). Poi da Basilea ad Amburgo (nel nord della Germania), in treno diretto, con un tempo di percorrenza di 6h30.

È possibile viaggiare in treno da Amburgo a Copenaghen con circa 3 treni al giorno, di cui uno notturno (un viaggio di circa 14 ore, un po’ lungo). Poi Copenaghen – Malmö, attraverso il ponte di Öresund, in treno, durata del viaggio circa 45 minuti.

Noleggia un furgone o un camper in Svezia

Per trovare un veicolo in Svezia, potete confrontare i prezzi su siti di noleggio professionali come Skanditrip. Abbiamo trovato i prezzi molto alti, il che si spiega sicuramente con il fatto che il costo della vita è già più caro che in Francia, e vale la pena notare che gli svedesi amano la vita da furgone e da campeggio! A questo bisogna aggiungere i biglietti aerei.

Un’altra opzione, che riteniamo più conveniente, è quella di noleggiare un’auto in Francia e poi viaggiare in Svezia con essa. Vi lasciamo con le vostre calcolatrici!

Noleggio di veicoli attrezzati

Vi consigliamo di noleggiare il vostro camper, furgone, camper, ecc. tra privati, utilizzando la piattaforma Yescapa, che mette in contatto affittuari e proprietari. I prezzi delle auto sono più interessanti in Francia che in Svezia. È un’azienda francese con sede a Bordeaux e, con oltre 13.000 veicoli in offerta, troverete sicuramente quello che state cercando!

Abbiamo utilizzato questa piattaforma per testare diversi modelli di camper prima di scegliere il nostro. Ci siamo sempre trovati bene con i diversi veicoli e abbiamo anche avuto molti consigli dai proprietari, che in genere si prendono il tempo di spiegare il funzionamento del veicolo.

È molto semplice: si seleziona la città di partenza e le date del viaggio e la piattaforma suggerisce i veicoli disponibili. Poi si può ordinare per prezzo, numero di letti, chilometri illimitati, possibilità di viaggiare all’estero o meno…. E la cosa più importante, secondo noi, sono i commenti degli altri inquilini: leggere i vari feedback ci dà molte informazioni (affidabilità dell’annuncio, inquilino accomodante e disponibile…) e ci rassicura! Per viaggiare all’estero con il vostro veicolo, spuntate le 2 caselle seguenti nella sezionepreferenze di viaggio: km illimitati e viaggi internazionali.

Una volta trovato quello che cercate nel vostro veicolo, non dimenticate di mettere in valigia tutta l’attrezzatura per viaggiare con la mente sgombra. Abbiamo messo insieme un elenco di tutti i nostri accessori essenziali per camper, alcuni dei quali potrebbero sorprendervi!

Guidare in Svezia

Guidare in Svezia è un vero piacere, gli svedesi sono rispettosi e attenti agli altri automobilisti. Le strade sono ben tenute. Il limite di velocità è sempre rispettato: 50 km/h in città, 70 km/h sulle strade principali e 110 km/h sulle autostrade. La buona notizia è che le autostrade sono gratuite.

Si noti che solo nelle città svedesi di Stoccolma e Göteborg si applica una tassa per la guida nel centro città. Limitare il traffico veicolare nel centro città. Il costo varia a seconda dell’ora del giorno in cui il traffico è più intenso, ma in genere ammonta a pochi euro. L’importo da pagare viene visualizzato su uno schermo digitale lungo il percorso.

I parcheggi nelle città sono generalmente a pagamento tramite applicazioni come Easypark, il che è molto pratico. Sulla costa del Bohuslän, a Smögen e Fjällbacka, tra giugno e agosto si applicano alcune restrizioni ai veicoli ricreazionali, con parcheggi a pagamento e divieto di sosta notturna. Potete trovare tutte le informazioni necessarie sull’applicazione Park4night.

Com’è viaggiare con un bambino di 3 anni in Svezia?

Questa è ovviamente una domanda ricorrente: quali consigli avete per viaggiare con un bambino piccolo? In realtà, abbiamo già risposto a questa domanda nel nostro articolo sul nostro tour in Europa. Abbiamo viaggiato per 10 mesi con nostra figlia, che aveva un anno e mezzo all’inizio del nostro precedente viaggio.

In questa sede, quindi, ci concentreremo sulle differenze, visto che all’epoca del nostro viaggio in Scandinavia aveva 3 anni e un’esperienza di 10 mesi in camper. Tutto sommato, la partenza è stata molto più facile per lei, così come la routine quotidiana di tutta la famiglia. Si era già orientata, conosceva a fondo il camper e il nostro modo di viaggiare.

Questa è un’età in cui i bambini hanno una forte richiesta di autonomia, quindi abbiamo riorganizzato la nostra casa in modo che possa fare le cose da sola. Abbiamo sistemato il suo lettino con i suoi giochi in modo che possa accedervi facilmente, e uno spazio con i suoi vestiti in modo che possa mettersi il pigiama da sola, per esempio.

I due punti su cui abbiamo vigilato sono stati i seguenti:

  • Tempi di percorrenza: abbiamo attraversato Francia e Germania in 4 giorni, con un guasto al motore in garage il secondo giorno di viaggio. Ha detto chiaramente che abbiamo guidato troppo e non abbiamo trascorso abbastanza tempo nelle aree di gioco. All’età di 3 anni, i bambini sono in grado di esprimere chiaramente le loro esigenze in modo semplice ed efficace. Poiché volevamo fare un buon viaggio, una volta arrivati in Svezia abbiamo subito messo a posto le cose! Abbiamo limitato il tempo di guida giornaliero all’ora della siesta.
  • Pianificazione del viaggio: non partecipa ancora attivamente, ma conosce il programma della giornata e sa che ci sarà sempre un momento per lei. In altre parole, un momento in spiaggia, in un’area di nuoto o un momento in un’area di gioco, dove può giocare mentre prepariamo il pasto o il giorno dopo.

I nostri consigli e il nostro budget per il vostro viaggio in auto

  • Non dimenticate di fare scorta di acquisti se partite dalla Francia: noi siamo riusciti a passare 2 settimane senza fare acquisti.
  • Documenti d’identità: Svezia e Norvegia fanno parte dell’Unione Europea, quindi potete entrare con la vostra carta d’identità valida. A noi hanno controllato solo la barca.
  • Assicurazione del veicolo: se venite con il vostro veicolo, ricordate di controllare che la vostra assicurazione del veicolo vi copra in questi 2 Paesi.
  • Traghetti: Si consiglia di confrontare i prezzi dei traghetti sul seguente sito web Traghetti diretti . Il sito offre tutti i collegamenti e suggerisce i porti vicini.
  • Sicurezza: la Svezia e la Norvegia sono tra i paesi più sicuri d’Europa e abbiamo incontrato persone del posto che non chiudono a chiave le loro case quando vanno in vacanza! Ci siamo sempre sentiti al sicuro nelle città e nei bivacchi.
  • Dove dormire : in Svezia, la libertà di soggiornare e campeggiare ovunque nella natura è un diritto che vale per tutti (Allemansrätten svedese). Tuttavia, ci sono alcune regole da rispettare, come il rispetto di una certa distanza dalle abitazioni private, e il campeggio selvaggio è vietato nei parchi nazionali. Abbiamo usato l’applicazione Park4night per trovare i nostri bivacchi.
  • Budget : viaggiando in camper, abbiamo speso circa 75 euro al giorno per tre persone. Il budget comprende la traversata, 3 pasti fuori casa, spuntini in panetteria e 3 notti in campeggio a Göteborg. Il carburante è la voce di spesa principale, pari a circa il 50% del bilancio. Vi consigliamo di fare il pieno prima di arrivare in Svezia, perché il gasolio è molto costoso. È più economico in Germania e Norvegia.

    Se volete mangiare in modo più economico in Svezia, vi consigliamo di optare per i buffet disponibili a pranzo nella maggior parte dei ristoranti o di mangiare da Max, la catena svedese di hamburger, che offre una ventina di opzioni vegetariane. Non siamo grandi fan del fast food, ma abbiamo trovato gli hamburger vegetariani non troppo male.

Da parte nostra, stiamo continuando il nostro viaggio in Norvegia, un Paese che abbiamo attraversato per 7 settimane. A breve, vi illustreremo nel dettaglio tutti i passaggi.

Abbiamo preso un sacco di divertimento per scrivere questo articolo su questo viaggio in auto, che ci è piaciuto moltissimo. Speriamo che questo itinerario vi piaccia.Non abbiamo visitato tutti gli angoli della costa occidentale della Svezia. Se avete altri suggerimenti, non esitate a lasciare un commento qui sotto.

Se state cercando altre idee per gli itinerari in Svezia, abbiamo raccolto un articolo con i nostri 20 luoghi imperdibili, alcuni dei quali insoliti, da vedere in Svezia!

Non esitate a lasciarci una nota o 5 stelle qui sotto, per dirci se state organizzando questo viaggio o per farci domande, saremo lieti di rispondervi. Date un’occhiata alle storie di Instagram del nostro viaggio in Svezia, per avere un assaggio di ciò che ci aspetta!

Donnez une note à cet article :
0 avis (0/5)
Partagez notre article
Facebook
Twitter
Pinterest
WhatsApp
Floriane
Floriane
Je m'appelle Floriane, aventurière et passionnée de voyages depuis mon plus jeune âge. J'aime plus que tout partager nos récits et astuces de voyage avec vous. Nous aimons les escapades courtes ainsi que les voyages longs. Ce blog est né après notre Tour du Monde en sac à dos. Nous avons également réalisé un tour d'Europe en famille.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.